La pista di elisoccorso all’interno dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata” di Biancavilla (attualmente interessato ad interventi di ammodernamento) si farà. La rassicurazione arriva dai vertici dell’Asp di Catania, dopo che l’associazione “Giuseppe Greco”, la cui battaglia statutaria è proprio quella di arrivare alla realizzazione dell’opera, aveva manifestato il timore di un possibile affossamento del progetto (leggi).
Timori formalmente smentiti adesso dall’azienda sanitaria.

«Il commissario straordinario dell’Asp Catania, Gaetano Sirna – si legge in una nota – ci tiene a rassicurare la comunità di Biancavilla in merito alla realizzazione dell’elisoccorso all’interno del presidio ospedaliero».
Le preoccupazioni dell’associazione, intitolata ad un 22enne morto in un incidente a pochi passi dal nosocomio, erano state provocate dalla notizia di un finanziamento regionale per una pista di atterraggio vicino lo stadio di Adrano. I soci dell’associazione si sono chiesti, allora, se tale progetto fosse in contrasto con quello di Biancavilla, visto che si tratterebbe di due analoghe strutture distanti pochi chilometri l’una dall’altra (leggi).
«Il progetto dell’elisuperficie di Adrano – spiega adesso Sirna – non contrasta con la realizzazione della pista di atterraggio di Biancavilla. Nell’area interessata insistono attualmente i prefabbricati del cantiere, pertanto dovremo solo aspettare la conclusione dei lavori prima di poter procedere all’esecuzione della pista di decollo e atterraggio al nosocomio, che per noi continua a rappresentare un’opera di pubblica utilità, non solo per Biancavilla ma anche per tutto il comprensorio».
A proposito dell’elipista di Biancavilla, l’associazione “Giuseppe Greco” qualche anno fa ha promosso una petizione tra Adrano, Biancavilla e Santa Maria di Licodia, che ha raccolto oltre 7000 firme.

fonte: articolo di Vittorio Fiorenza su La Sicilia
—-> http://obbiettivo-adrano.blogspot.com/