Cari amici, nasce oggi una nuova rubrica che intitoliamo ORGOGLIOSO DI ESSERE ADRANITA. Ovviamente, inutile direlo, il titolo è ironico e mira a dimostrare l’esatto opposto, ossia che questa città deve cambiare mentalità per uscire dal baratro che la caratterizza.
Oggi ci occupiamo della triste abitudine di tentare la truffa alle assicurazioni, che ad Adrano sembra aver trovato il suo habitat naturale.
Riportiamo una notizia di qualche giorno addietro.

Una truffa ai danni di compagnie assicurative è stata scoperta da agenti del commissariato di polizia di Adrano, che hanno denunciato 5 persone per falso e tentata truffa. I poliziotti adraniti sono entrati in azione ieri, dopo un’intensa attività di indagine e dopo esserne venuti a conoscenza attraverso diverse fonti. Indagine volta a identificare alcuni individui, i quali con la complicità del gestore di un esercizio commerciale di Adrano avevano dato vita a un’attività illecita, finalizzata a truffare compagnie assicurative, attraverso falsi incidenti stradali. Dopo avere individuato l’esercizio commerciale in questione, gli agenti di polizia hanno accertato che all’interno del locale il gestore aveva allestito in maniera illecita un vero e proprio archivio di pratiche assicurative, arricchite da documenti vari.
Da un’attenta visione delle pratiche rinvenute, i poliziotti hanno riscontrato che in alcune di esse i relativi modelli Cid erano già sottoscritti in bianco, pronti quindi a essere utilizzati per la denuncia di falsi sinistri. La polizia è pertanto riuscita a identificare altre quattro persone, tutte di Adrano, che avevano già firmato i moduli in bianco.
Tutti hanno ammesso in parte le loro responsabilità, ciascuno con il proprio ruolo, consentendo di accertare così i soggetti attivi di quella che è stata indicata come una truffa messa in atto in concorso con il gestore dell’esercizio commerciale.
Sono stati pertanto tutti deferiti all’autorità giudiziaria in stato di libertà, poiché ritenuti responsabili dei reati di falso e tentata truffa ai danni di compagnie assicurative. «L’attività d’indagine condotta dal commissariato adranita – si legge in una nota della questura – rientra nell’impegno costante che il personale conduce quotidianamente, grazie anche alla collaborazione dei cittadini che si rivolgono agli operatori di polizia presenti sul territorio e che consente di fare emergere un fenomeno illecito dilagante, quale la tipologia contestata».
SALVO SIDOTI

Ecco adesso una recente nota informativa con cui le compagnie assicurative denunciano questo malcostume e spiegano il perchè il costo dell’RC AUTO nei comuni del comprensorio, con particolare riguardo ad Adrano, sia così elevato. Buona lettura (clicca sull’immagine per ingrandire).

A Voi le riflessioni!

—-> http://obbiettivo-adrano.blogspot.com/