Il punto della situazione sui lavori dell’ospedale di Bronte e i servizi che questo in futuro dovrà garantire, sono stati oggetto di discussione ieri mattina a Bronte, all’interno di un vertice chiesto dal sindaco di Bronte, Pino Firrarello. All’incontro, oltre al primo cittadino, hanno partecipato il direttore del “Dipartimento regionale per le attività sanitarie” Mario Zappia, quello generale dell’Asp di Catania, Giuseppe Calaciura ed il dott. Salvatore Gullottà, nella duplice veste di consigliere comunale di Bronte ed esperto del sindaco Firrarello in materia sanitaria.
«Purtroppo – ha affermato il sindaco Firrarello – il tempo perso nella realizzazione dei lavori di ristrutturazione difficilmente potrà essere colmato. Spero, però, che entro quest’anno l’ospedale possa essere consegnato al territorio. I tecnici mi hanno riferito che bisognerà realizzare una nuova cabina elettrica a servizio del nuovo ospedale. Per quanto riguarda i futuri servizi ospedalieri – continua Firrarello – Bronte non subirà alcuna riduzione del numero delle divisioni, anzi in più avrà un oculista, che potrà effettuare piccoli interventi come quello di cataratta. In più – ribadisce Firrarello – ho chiesto l’istituzione del servizio di Pneumologia e di colmare le carenze di personale medico e non che caratterizzano soprattutto i reparti di ostetricia, chirurgia, urologia, laboratorio di analisi e ortopedia. Infine – aggiunge – ho ribadito l’importanza di dotare l’ospedale delle attrezzature e delle tecnologie necessarie a rendere l’ospedale funzionale».
«L’esito dell’incontro di ieri – ha aggiunto attraverso una nota il direttore Zappia – è la dimostrazione che la Regione attraverso la razionalizzazione, punta a migliorare i servizi ospedalieri e territoriali, anche attraverso opportuni investimenti per l’acquisto di attrezzature tecnologiche e arredi. L’obiettivo è rendere ogni Provincia autonoma ed autosufficiente. Per questo ho chiesto alla direzione generale dell’Asl di presentare presto un opportuno preventivo, affinché quanto necessario per l’ospedale di Bronte venga acquistato prima della fine dei lavori. Oltre a quanto richiesto – conclude il direttore – amplieremo e potenzieremo la rete dei servizi territoriali, effettuando sopralluoghi a scadenza quindicinale, affinché tutto venga realizzato nei modi e nei tempi stabiliti».

fonte: La Sicilia

—-> http://obbiettivo-adrano.blogspot.com/