Cari amici,
vorrei segnalare la presenza di alcuni cani randagi e mordaci presso le vie Buozzi e Po’ di Adrano (strade fiancheggianti l’E.S.A. – Ente Sviluppo Agricolo). In questo quartiere, girovagano da tempo cani, adulti, di colore oscillante fra il fulvo chiaro e scuro, a pelo medio-lungo, del tutto randagi e non appartenenti affatto ad alcun abitante dell’area coinvolta. Questi cani, a periodi, manifestano un comportamento aggressivo, tant’è vero che, in più date imprecisate, da miti sono divenuti gradualmente mordaci (fino a divorare letteralmente, per citare qualche esempio, qualche gatto randagio). Per non dire poi, che sono anche agenti – vettori di parassiti. E, visto che questi sono contesti che vanno a minacciare l’incolumità dei passanti, dei cittadini ivi residenti e, soprattutto, dei bambini che tallonano quotidianamente le vie menzionate, occorre sia un intervento diretto e celere sia segnalarlo a più non posso, visto pure che, su Adrano, non si tratta dell’unico quartiere coinvolto dal randagismo. Che fine ha fatto l’applicazione della Legge 281/91 sulla prevenzione del randagismo? Fra l’altro, l’arrivo della stagione primaverile prima ed estiva dopo, potrebbe, da un lato, amplificare la riproduzione dei parassiti (basti pensare alle sterpaglie prossimamente rinsecchite che diverrebbero, quindi, focolai per zecche e/o similari) e, dall’altro, potrebbe accrescere la mordacità degli stessi cani randagi.

Giusy Garofalo
—-> http://obbiettivo-adrano.blogspot.com/