Saranno presentati martedì prossimo, alle 11, presso l’auditorium dell’assessorato regionale Territorio e Ambiente di via Ugo la Malfa, a Palermo. Sara’ presente l’assessore Maurizio Croce.

Nascono i primi 79 Geositi in Sicilia, di cui tre unici al mondo. Si tratta, spiega, di “luoghi o territori in cui e’ possibile riscontrare un interesse geologico, geomorfologico, paleontologico, mineralogico, e che, presentando un valore scientifico-ambientale, vanno preservati con norme di tutela specifiche”. I Geositi ad essere istituiti, con l’obiettivo di evidenziare le loro specifiche peculiarità scientifiche, sono 79. Tre sono di rilevanza mondiale e unici: il Geosito “Gssp del Piacenziano” a Punta Piccola, nel comune di Porto Empedocle; il Geosito “Grotta Rumena 1″, nel Comune di Custonaci; il Geosito “Lave brecciate a fluoro-edenite e fluoro flogopite di Monte Calvario”, nel Comune di Biancavilla. Gli altri 76 ricadono all’interno di Riserve naturali. Una particolare attenzione va posta sul Gssp-Global Stratotype Section and Point di Punta Piccola, a Porto Empedocle, che rientra tra i siti con “oggettivi caratteri di unicità” in quanto rappresentano per la comunità scientifica internazionale i riferimenti della “Scala cronostratigrafica standard globale”.
“L’istituzione dei Geositi – dice l’assessore Croce – comporta l’apposizione di vincoli, ai fini della tutela, che non vanno letti come restrizioni ma come opportunita’ di conoscenza, conservazione e non solo. I Geositi assumono un alto valore scientifico e paesaggistico risultando di fondamentale importanza nella politica regionale di promozione delle aree protette. Con l’istituzione dei Geositi in Sicilia si estende la conoscenza, la valorizzazione e quindi la fruizione del bene geologico all’intera collettività”.

*
desk3