Caro Adranita, siamo una neonata Associazione, “L’UNIONE FA LA GIOIA”, organizzazione non lucrativa di utilità sociale, costituitasi il 07.01.2016 e regolarmente registrata all’Agenzia delle Entrate, al 12.01.2016.

L’Associazione si autofinanzia, mediante varie raccolte fondi, allo scopo di dar vita a vari progetti. Non vuole affatto sostituirsi o subentrare a quelle che sono le attuali zelanti attività territoriali, analoghe per le finalità assunte bensì vuol sostenerle e intervenire per colmare eventuali carenze. Da circa due anni, si occupa, mediante convenzione con il Banco Alimentare, di 131 famiglie adranite per un totale di 527 utenti. Ha anche curato, in circa un anno, un emporio solidale che si vorrebbe nuovamente attivare. Ha in programma diverse attività che mirano a elargire servizi da rivolgere, soprattutto, anche ai bambini. Si vuol rendere fruibili dei locali entro cui attivare alcuni di questi servizi perlopiù laboratori in cui esser creativi. L’Associazione tende anche, ove possibile, a instaurare delle sinergiche collaborazioni con altre realtà similari, comprese le Case Famiglia del nostro comprensorio, indirizzando, così, le proprie energie alla creazione di attività ludico – ricreative e/o didattiche, da svolgersi non solo in situ per i bambini accolti (come la riscoperta e la rivalutazione delle bellezze naturalistiche e archeologiche locali attraverso escursioni guidate). Altra meta é un’analisi socio – statistica, allo scopo di tracciare un profilo aggiornato di tre realtà attinenti il nostro territorio, ossia:

  • La lettura del periodico indice di povertà;
  • L’individuazione di quelle che sono le reali esigenze delle famiglie;
  • L’identificazione di quelle che sono le necessità, più ricreative che didattiche, dei bambini “segnalati”, da Parrocchie e Enti Pubblici, nei “quartieri a rischio”, allo scopo di poter indire specifici laboratori “di rivalorizzazione”.

E tutto ciò per poter meglio agire in futuro. Uno dei laboratori che si vorrebbe attivare, al fine di far cooperare sinergicamente ogni singolo bambino con il gruppo – aula, è quello del fumetto. Ideale per fondere arte figurativa e scrittura creativa. E per i più grandi, del cucito e del decoupage, di pittura e di teatro, di arte presepistica e altri ancora. Da rivolgere alle stesse famiglie seguite dall’Associazione, in un pieno coinvolgimento socio – culturale. Altri progetti in embrione, sono:

  • Creazione di un orto sociale.
  • Assistenza didattica, verso quegli studenti, giovani e promettenti che, non supportati fuori dall’ambiente scolastico e/o non in possesso dell’indispensabile materiale formativo, sono costretti a non poter eccellere, meritatamente, nello studio.
  • Raccolta di giocattoli usati. Da selezionare per attuare un eco – riciclo che conduca quindi a un dono socio – solidale.
  • Raccolta di materiale non scolastico ma istruttivo (libri, fumetti, CD, DVD, ecc.) per appassionare adolescenti e giovani, opportunamente evidenziati, coinvolgendo le loro potenzialità in attività di laboratorio.
  • Istituzione di una banca – dati telematica, costantemente aggiornata, al fine di mettere in contatto diretto offerente e richiedente per ciò che concerne oggetti, elettrodomestici e mobili, cosicché, in un sistema di rete e senza alcun ingombro, anche oltre il territorio adranita, possano essere soddisfatte le esigenze di chi richiede un dato oggetto e di chi cestina, infruttuosamente o per motivi di spazio attuando un sano recupero.
  • Indire periodiche campagne di sensibilizzazione, a tema, soprattutto nelle scuole.

È possibile aiutare l’Associazione:

  • Donando oggetti di vario genere che rientrino nei progetti;
  • Mediante libere offerte economiche;
  • Suggerendo idee e progetti socio – solidali;
  • Dedicando il proprio tempo libero da volontario.

Se sei interessato/a, contattaci al numero 327.4642301, oppure, scrivi all’indirizzo e – mail unigioia@gmail.com

Grazie.

*

– Alessandro Montalto