“Lo spostamento temporaneo di 6 operatori del “118” da un Comune dell’Ennese, Centuripe, a uno della provincia di Catania, cioè Adrano, non presenta alcuna irregolarità ed è avvenuto nel pieno rispetto degli accordi sindacali”. Lo afferma Giorgio Maria Vinciguerra, direttore generale della Seus, la società consortile che gestisce il servizio di emergenza- urgenza “118” in Sicilia, replicando a Giuseppe Adamo, segretario provinciale della Uil, che aveva parlato di “disagio per gli operatori”. Vinciguerra, che oggi ha incontrato personalmente gli operatori nella postazione di Adrano, sottolinea che “lo spostamento non si configura come trasferimento poiché i circa 18 chilometri di distanza tra la postazione precedente (Centuripe) e quella successiva (Adrano) sono inferiori ai 30 km previsti come tetto massimo in base agli accordi con i sindacati. Rispettando questi limiti, come la Seus ha sempre fatto, è consentito pure lo spostamento interprovinciale”. Infine dalla Seus sottolineano che lo spostamento di quegli operatori “è in ogni caso temporaneo e nelle more della graduatoria che stiamo predisponendo a livello regionale”.

—-> http://obbiettivo-adrano.blogspot.com/